Il caffè è, dopo l’acqua, la bevanda più bevuta e amata al mondo.

Bere un caffè è, da sempre, sinonimo del piacere di stare insieme e di tradizione.

In Italia, che contrariamente a quanto si pensa non è neppure tra i primi dieci paesi consumatori di caffè, da sempre la moka e l’espresso sono i metodi più diffusi anche se, negli ultimi dieci anni, si sono affermate tecniche più moderne di estrazione del caffè, spesso importate dall’estero.

Un’aspetto affascinante della tradizione del caffè, infatti, riguarda la molteplicità dei metodi di estrazione.

I più diffusi, e principali, metodi sono: per percolazione, a pressione e per infusione.

  • Il metodo per percolazione viene introdotto a fine Ottocento e perfezionato nel 1908 da Melitta Bentz che introdusse, per prima, i filtri di carta sostituendoli a quelli di stoffa.
Con questo metodo l’acqua passa attraverso il caffè per poi arrivare nella tazza ottenendo così una miscela di corpo medio.
Di questo tipo di estrazione rientra il Caffè alla napoletana, o Cuccumella, per il quale si usa una caffettiera con serbatoio forato nella parte superiore nel quale si incastra un cilindro cavo, che serve a contenere il caffè, e un ulteriore serbatoio a beccuccio per raccogliere il caffè.
Quando l’acqua bolle il fuoco viene spento e la caffettiera capovolta.
L’acqua bollente filtra tramite il caffè e si raccoglie nel sottostante contenitore per un tempo tra i 5 e i 10 minuti.
 
  • Il metodo di estrazione a pressione permette di ottenere un caffè dal gusto più forte.
Si realizzano con tale metodo i caffè tipici della tradizione italiana quali il caffè con la moka e quelli con macchinetta per espresso.
 
La moka, ideata da Bialetti nel 1933, è, per eccellenza, simbolo del caffè in Italia.
Composta da tre parti (serbatoio per l’acqua, filtro e bricco di raccolta) funziona secondo il metodo a pressione in cui l’acqua viene scaldata sul fuoco e successivamente spinta dalla miscela di aria calda e vapore arrivando a bagnare il caffè donandogli un gusto intenso e dal retrogusto amaro.

La macchina per espresso è quella che troviamo di solito nei bar e può essere a pompa elettrica o a leva.

La pressione in questo tipo di macchine è più elevata e si otterrà perciò un caffè forte, concentrato e con la classica crema color nocciola.

Recentemente nel mondo delle specialità del caffè si è affacciata una macchina molto versatile che unisce i principi del metodo a pressione con quelli dell’infusione (AeroPress) producendo un prodotto aromatico, dolce e corposo.

 
  • Il metodo di estrazione del caffè per infusione è sicuramente il metodo più antico, e veloce, per estrarre il caffè macinato.
Acqua e caffè rimango per qualche minuto in immersione prima del filtraggio. Le tecniche che impiegano tale tecnica sono 3:
  1. Caffettiera French Press (metodo francese): è una delle caffettiere più antiche. Funziona inserendo il caffè macinato in giusta proporzione con l’acqua calda, mescolando il contenuto che viene lasciato in immersione per 2-6 minuti finché non viene immerso lo stantuffo dotato di filtro metallico e si spinge verso il basso. Si otterrà un caffè intenso e corposo.
  2. Caffè turco o “ibrik” dal nome del bricco usato per la preparazione il quale viene riempito di acqua in base al numero di tazzine da servire. Il caffè turco usa il metodo dell’infusione a fuoco basso e prevede una doppia bollitura ma senza filtraggio. Una volta versato il caffè in tazzina si aggiungono due cucchiai di caffè a persona.
  3. Caffè arabo: viene preparato aggiungendo spezie e cardamomo. La caffettiera ha il becco lungo e stretto (dallah) e l’infusione può richiedere anche 20 minuti in quanto l’utilizzo di una tipologia di caffè chiaro lo fa risultare meno solubile. La tipologia di caffè chiaro e l’aggiunta delle spezie rende il suo aroma molto particolare.
 
Diba.70, marchio di qualità nell’installazione e la vendita di distributori automatici e macchine del caffè espresso dedicate alla casa, può soddisfare le tue esigenze riguardanti il caffè con una vasta gamma di prodotti, anche ad uso professionale, che renderanno piacevoli i momenti di ristoro sia durante le pause lavorative sia durante i momenti di relax a casa.
Una pausa accompagnata da un caffè di qualità superiore è importante per gestire al meglio la giornata ed è appunto questa la visione di diba.70 che, oltre alla qualità dei prodotti, offre un ottimo rapporto qualità-prezzo in grado di soddisfare totalmente il cliente.